Informativa breve sui Cookie

Salta al contenuto

Quando vedi un cane in difficoltà chiama i vigili!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail
Featured Image

Cosa fare quando si vede un cane in difficoltà

Capita spesso di vedere di sfuggita o in lontananza o passare accanto ad un cane in difficoltà: il cane sembra spaventato, malconcio, ferito, malato, probabilmente abbandonato.

Molte persone si voltano dall’altra parte. “Ci penserà qualcun altro”, “Qualcuno starà già provvedendo!”.

No! Potrebbe non essere così. Occorre agire e anche in fretta.

Come prima cosa, provate a capire se potete voi stessi recuperare il cane in difficoltà. Se avete un guinzaglio o qualcosa che ne possa fare le veci, cercate di avvicinare con il cibo il cane in difficoltà e se possibile fatevi aiutare.

Non spaventatelo e se vedete che non si fida rimanete a debita distanza ma non perdetelo d’occhio.

La procedura corretta per attivare l’operazione di recupero è chiamare la polizia municipale.

I numeri da chiamare
CamposantoConcordia sulla Secchia

Medolla

Mirandola

San Felice sul Panaro

San Possidonio

San Prospero

0535 611039800 197 197
Cavezzo 0535 49806
329 3179600
Finale Emilia 0535 788123

A seguito della segnalazione, saranno loro a mettervi in comunicazione con l’operatrice del Canile di Mirandola per segnalare il luogo preciso in cui si trova il cane.

A questo punto non andatevene. Rimanete a controllare la situazione e attendete l’operatrice che arriverà prontamente.

Tante volte a seguito della segnalazione le persone se ne vanno e, in genere, anche il cane. L’operatrice spesso arriva senza trovare nessuno né tantomeno avere notizie del cane avvistato.

Non scrivete messaggi su Facebook, sul sito dell’Isola del Vagabondo o all’indirizzo e-mail dell’associazione: possono passare ore dal vostro avvistamento prima che qualcuno legga la vostra segnalazione che, per questo, diventerà inutile e priva di senso.

Scrivere solo un messaggio e andarsene è insensato e incosciente: significa pensare di aver fatto il minimo indispensabile e non doversene più preoccupare.

Decidere di segnalare una cane o un gatto in difficoltà significa prendersi carico della sua vita finché non arriverà l’operatrice: è una responsabilità che è giusto assumersi e mantenere finché è necessario.

Non ci si può voltare dall’altra parte né si può pensare che facendo il minimo indispensabile si possa salvare una piccola vita. Non esistono mezze misure: o si fa o non si fa.

Non fare nulla significa avere a che fare con la propria coscienza.

Agire responsabilmente significa fare la cosa giusta e salvare una vita.

Vigili Urbani

Print Friendly, PDF & Email
Chiara Bianchi
Follow me

Chiara Bianchi

Blogger, copywriter, copyeditor e traduttrice, scrive articoli su gatti, ricette veg, yoga, ambiente e protezione degli animali. Si interessa di comportamento felino e di etologia in generale.
È la Crazy Cat Lady dei suoi micioni "I Bimbis" e gattara del weekend alla colonia felina n. 16 che segue dal 2012 insieme ad Alda Mazzali.
Chiara Bianchi
Follow me

Latest posts by Chiara Bianchi (see all)

Forse ti può interessare anche...

Published inInformazioni utili

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *